Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.

AVVISI

Castel Sant’Elmo: variazione orario

Si comunica che da mercoledì 8 novembre 2017, il complesso monumentale di Castel Sant’Elmo, per motivi legati alla sicurezza, chiuderà al pubblico alle ore 17.00, con ultima emissione dei biglietti alle ore 16.00.   Tale disposizione resterà in vigore fino al ripristino dell’impianto di illuminazione del fossato e delle rampe.

Invito a manifestare interesse 6/11/17

E' stato pubblicato un avviso pubblico - Invito a manifestare interesse a partecipare alla procedura per l’affidamento in concessione del servizio di gestione dei distributori automatici di bevande e alimenti delle sedi di alcuni siti del Polo museale della Campania.  Leggi qui -->>

Avviso di Post Informazione 2/10/17

Pubblicato l'avviso di post informazione - esito di affidamento - oggetto del bando: Progetto "Reach Out. Competenze, strategie, impatti per i musei della Campania" - Leggi qui -->>

Marianna Troise: Il Tempo che ritorna

Castel Sant’Elmo, Museo Novecento a Napoli - 11 novembre – 11 dicembre 2017 

Sabato 11 novembre, alle ore 11.00, verrà inaugurata a Castel Sant’Elmo la mostra di Marianna Troise “Il Tempo che ritorna”. 

L’artista, danzatrice e performer, presenta un’installazione ambientale ideata e realizzata per quest’occasione in una delle sale del museo Novecento a Napoli, “Il Tempo che ritorna” si inserisce nella sua produzione, caratterizzata dall’uso simultaneo di più mezzi espressivi: fotografia, disegno, video, audio, scultura e performance in una opera di grande impatto emotivo che intende raccontare e indagare  l’evoluzione più intima e intensa del tempo.

Riprendendo la ricerca già intrapresa alla Certosa di Padula, per la manifestazione internazionale Le Opere e i giorni, e a Villa Rufolo a Ravello, l’artista  descrive il suo  lavoro per Castel Sant’Elmo: “si tratta di un’altra riflessione sul Tempo, secondo le mie modalità dell’essere e del sentire, declinando le zone oscure di me stessa, come le paure combattute con i riti della ripetizione, le ansie pacate e le mancanze colmate con i segni e i gesti del mio fare”.

L’esposizione di Marianna Troise rappresenta l’opportunità per aprire il museo Novecento a Napoli a un nuovo tassello della storia recent, rafforzando il suo ruolo di testimone delle vicende artistiche in città.
In questa occasione entra a far parte della sua collezione, la donazione dell’opera Pollock, presentata dall’artista per la prima volta nel 1983, nella coreografia Io non sono americana ed esposta nel 2003 a Castel Sant’Elmo in occasione della mostra I Labirinti dell’Immaginario.
 
Nel catalogo, testi di Anna Imponente, direttore del Polo museale della Campania, Anna Maria Romano, direttore di Castel Sant’Elmo, Angela Tecce, Lorella Starita e Mario Franco.


Cenni biografici
Marianna Troise si diploma in scultura all’Accademia di Belle Arti di Napoli, città dove vive e lavora. Fin dagli esordi, segnati dall’esperienza con l’austriaca Greta Bittner, il suo lavoro di danzatrice e di coreografa è orientato a un continuo dialogo con le arti figurative, elaborando un pensiero e una pratica di lavoro che, alla finitezza dello spettacolo compiuto, privilegia l’aperto di un’opera che vive in continua, necessaria mutazione. Fondatrice negli anni ’80 di CAIV DANZA e COMPAGNIA OTTANTASEI, è protagonista di eventi-spettacoli, performances, rassegne, stages didattici e interventi interdisciplinari. Tra le prime performance, Stella rossa senza Rosso Museo del Sannio di Benevento,1980, Io non sono americana, dedicata al pittore Gianni Pisani, Soliloquio della sposa nera, premiato a Parigi nell’86, En forme de poire, produzione del Teatro Ponchielli di Cremona , ODIOSAMATA D Biennale dei Giovani Creatori del Mediterraneo, Central Teju, Lisbona 1994. Invitata da Achille Bonito Oliva ha realizzato La danza in corpo per Viaggiatori senza bagaglio, Museo di Pietrarsa, 1999, Pollock-Samadhi, intervento-installazione nell’ambito de I Labirinti dell’immaginario a cura di Giuseppe Morra e Lorenzo Mango per gli Annali delle Arti, Le tessitrici del tempo in più per la II edizione de Le Opere e i giorni alla Certosa di Padula, 2003 e nel 2006 rappresenta l’Italia, per la creatività legata alla danza, nell’ambito di Italy made in Art Now, Shanghai, Museum of Contemporary Art. Dello stesso anno è Baci. Serie inutile infinita nella Cappella di Villa Rufolo a Ravello, a cura di Maria Giovanna Sessa e Stefania Zuliani. Partecipa alla mostra Shake up in Accademia. 1980-1990 e documentazione fotografica del suo lavoro è presenta anche in On stage. Scenografi e costumisti a Napoli 1980-1990, Accademia di Belle Arti di Napoli, 2015. Nel 2017 partecipa a Imago Mundi - Luciano Benetton Collection a cura di Chiara Pirozzi. Oltre che in Italia, il suo lavoro è stato proposto in Germania, Francia, Portogallo, Giappone, Cina.


INFORMAZIONI
Il Tempo che ritorna
11 novembre – 11 dicembre 2017

Castel Sant’Elmo – Museo Novecento a Napoli
Via Tito Angelini, 22 – 80122 Napoli
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - +39 081 2294 449
Orari: 9.30 – 17.00; la biglietteria chiude un’ora prima – martedì chiusa la mostra
Biglietti: intero €5,00; ridotto €2,50
www.polomusealecampania.beniculturali.it

Ufficio stampa: Simona Golia, tel. 081 2294478; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Polo museale della Campania   |   Castel Sant'Elmo  - Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli
Email:  pm-cam@beniculturali.it   -   PEC:  mbac-pm-cam@mailcert.beniculturali.it

Informazioni   |  Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) :  0039.081.2294415   -  0039.081.2294470
Email:  pm-cam.urp.edu@beniculturali.it
webmaster    |