Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.
  • Cinturone in bronzo appartenente a un guerriero sannita
  • Sala del Museo
Villa Jovis: Orario aprile 2017

Villa Jovis, orario aprile 2017: Tutti i giorni ore 10-18, ultimo ingresso ore 17.15.  Chiuso martedì.

Direttore

Sede
Telefono
Fax
Email
PEC

Antonio Salerno

piazza XIX Ottobre - 81011 Alife (CE)
0039.0823.787005
0039.0823.787005
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Per illustrare la storia e la cultura delle popolazioni che abitarono nell’antichità il territorio del Matese-Casertano, in origine parte del Sannio e poi inserito nella regio I augustea (Latium et Campania), è stato istituito nella città di Alife, che custodisce nel suo sottosuolo i resti della colonia romana di Allifae, un museo archeologico locale all'interno di un edificio di proprietà comunale. La sede è costituita da un moderno edificio situato nei pressi del municipio e del centro storico, che è tuttora delimitato dall’imponente cinta muraria romana.

Nel Museo sono oggi raccolte le testimonianze relative alle varie fasi di occupazione umana nella zona, in particolare relative alla preistoria ed all’epoca preromana, mediante i rinvenimenti effettuati nel corso di recenti indagini archeologiche eseguite dalla Soprintendenza.

L’allestimento consiste nell’esposizione in un’ampia sala di numerosi reperti (armi e strumenti litici, vasellame ceramico e vitreo, oggetti in metallo) distinti per contesti cronologici e/o territoriali (monte Cila, Roccavecchia di Pratella, materiali provenienti da necropoli), illustrati con pannelli esplicativi corredati di documentazione grafica e fotografica. In fondo alla sala è esposto anche parte di un affresco in IV stile proveniente da una domus romana lungo il decumanus maximus della città antica, esplorata agli inizi degli anni Novanta del XX secolo.

In una sala sottostante sono stati collocati anche frammenti di pavimenti a mosaico con decorazioni geometriche bianco-nere databili tra il I secolo a.C. ed il I secolo d.C. asportati da altre case della città antica.

Questi reperti costituiscono altrettante testimonianze della fase romana della colonia, che insieme alle sculture, alle iscrizioni e ad altri oggetti, provenienti dalle recenti indagini eseguite nel centro urbano di Alife e nel territorio circostante, saranno inseriti nella sezione relativa al periodo romano nel progetto di ampliamento del museo.

L’istituzione ad Alife di un Museo Archeologico, insieme con la risistemazione degli importanti documenti, soprattutto epigrafici e scultorei di età romana, ma anche pertinenti ad età sannitica e medioevale, conservati nell’ex convento di San Domenico a Piedimonte Matese, rientra in un piano globale per la creazione di una rete di musei territoriali, intesi a valorizzare il patrimonio storico-archeologico ed a rivitalizzare, anche dai punti di vista turistico, socio-economico e culturale, significativi centri della Campania interna.

Polo museale della Campania   |   Castel Sant'Elmo  - Via Tito Angelini, 22 - 80129 Napoli
Email:  pm-cam@beniculturali.it   -   PEC:  mbac-pm-cam@mailcert.beniculturali.it

Informazioni   |  Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) :  0039.081.2294415   -  0039.081.2294470
Email:  pm-cam.urp.edu@beniculturali.it
webmaster    |